Le “Conferenze Regionali della Scuola”: facciamo un bilancio delle prime sette edizioni (2010/..2016)

Titoli e tematiche affrontate

2010: “La nostra scuola, la scuola di tutti”. Appunti di viaggio dai territori della scuola piemontese.

2011: “Federalismo e autonomia scolastica”. Idee, esperienze e documenti a confronto per la qualità della scuola pubblica.

2012: “Bentornato insegnante”. Per costruire un progetto di scuola cominciamo dal ruolo strategico degli insegnanti.

2013: “Benvenuto cambiamento”. Il contributo della scuola piemontese ad una agenda politica del cambiamento.

2014: Una scuola che si rinnova e aiuta la rinascita del Paese è una “Buona Scuola”.

2015: “Fare bene la scuola”. Racconti, resoconti e proposte dalle aule e dai laboratori didattici piemontesi.

2016: “Educare istruendo …..ci vuole un villaggio”. E’ possibile una scuola capace di educare attraverso l’istruzione, … ma serve anche che tutto il “villaggio” concorra. 

I dati delle iniziative

Focus group territoriali. Sono stati effettuati 93 focus group con insegnanti, dirigenti scolastici e, in qualche caso, con genitori, studenti, amministratori locali. Di questi 41 hanno interessato le Scuole Superiori, e 52 gli Istituti Comprensivi o Scuole d’obbligo. Sessantadue si sono svolti in Torino e provincia, 31 nelle altre province piemontesi. Va sottolineato inoltre che abbiamo escluso dal conteggio complessivo le 30 scuole incontrate dal Gruppo Abele in tutte le Province piemontesi realizzate attraverso un progetto specifico (“Live: la scuola si sente”), poi confluito nella Conferenza del 2010. 

Seminari tematici. sono stati svolti 43 seminari tematici di cui: n. 20 a cura del forum e di alcune delle associazioni del forum (Aede, Amnt, Andis, Anfis, Asapi, CasaInsegnanti, Cidi, Cis, Fnism, Legambiente scuola e formazione, Mce, Uciim) e n. 23 a cura di altre organizzazioni e enti copartecipanti (Acmos, Aiace, Asai, Ctp, Deina, Cesedi, Siem, Università P. Orientale, Università di Torino, Pracatinat, Kairon, Comunità Uliveto).

Scuole coinvolte. Oltre 200 sono gli Istituti scolastici piemontesi e alcune Reti di scuole, contattati attraverso le iniziative decentrate sul territorio piemontese.

Insegnanti ascoltati. Oltre 4000 insegnanti intervenuti nei 120 focus territoriali, 43 seminari tematici e 7 giornate conclusive.

Report prodotti. Sono oltre 130 i resoconti scritti, prodotti a sintesi di quanto discusso e ascoltato nelle iniziative decentrate dalle associazioni e organizzazioni che hanno curato e gestito le singole iniziative.

Quaderni di documentazione. Sette sono i “Quaderni” che hanno documentato il dibattito e i lavori delle sette conferenze, prodotti, stampati e messi on line, per un totale di 256 pagine.

Giornata conclusiva. La partecipazione ai lavori della Giornata conclusiva è andata crescendo nelle varie edizioni: dai circa 200 della prima edizione (2010) ai 550 della settima edizione (2016). Particolarmente elevate da quando abbiamo potuto usufruire dei locali del Campus universitario “l.Einaudi” di Torino e da quando abbiamo scelto come data di effettuazione i giorni di settembre immediatamente precedenti l’apertura ufficiale dell’anno scolastico.

In tutte le edizioni (ad eccezione della prima e della seconda (2010 e 2011) i lavori sono stati articolati in una sessione assembleare con intervento di esperti esterni, al mattino, e una sessione di work shoop e lavori di gruppo tematizzati, al pomeriggio

Iniziative preparatorie di progettazione e programmazione.  Ovviamente la programmazione annuale delle Conferenze ha comportato una serie di incontri interassociativi e con gli Enti partner delle iniziative: 2 o 3 riunioni della Cabina di regia per valutazione, individuazione dei tempi, scelte generali di programmazione, suddivisione dei compiti e 2 seminari annuali (in gennaio e a metà giugno per intera giornata), per approfondimento tematico, sviluppo del programma di effettuazione dei focus ecc. condivisione delle scelte per la stesura del Quaderno di documentazione, Programma della giornata conclusiva, articolazione e gestione e dei work shoop pomeridiani

             

 

Il tutto a “costo zero”

Tutte le iniziative decentrate sul territorio sono state realizzate senza alcun costo. Le scuole hanno ospitato gli incontri e la conduzione degli stessi è stata svolta a titolo totalmente gratuito da esponenti delle associazioni del Forum o degli enti copartecipanti.

La stesura dei report, il coordinamento delle iniziative e la redazione dei Quaderni di documentazione non ha comportato alcun costo.

L’impaginazione e la stampa dei quaderni (dal costo medio di 2.500 Euro per 1000 copie per edizione) sono state a carico di alcuni Enti copartecipanti e, in particolare, dell’ex assessorato istruzione della Provincia (oggi Città Metropolitana di Torino) e della Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo.

Il Forum ha finora sostenuto i costi (mediamente 7/ 800 cento euro per ogni anno) per garantire i rimborsi di viaggio e soggiorno e pasti ai relatori invitati alla giornata conclusiva e provenienti da altre città. Gli interventi dei relatori, cosi come la conduzione dei gruppi dei seminari, e dei focus sono state sempre effettuate a titolo gratuito.

Sono stati effettuati a titolo gratuito anche gli interventi teatrali, musicali e audiovisivi, realizzati in alcune delle giornate conclusive da agenzie e compagnie amiche della scuola piemontese.

Non ci sono stai né coffee break, né, tanto meno, pranzi, offerti ai partecipanti agli eventi. L’impegno organizzativo, inviti, locandine, gestione delle iscrizioni ecc. è stato condotto on line dal Forum o dal Cesedi, e, in qualche caso, con l’aiuto di giovani del Servizio civile. La gestione dell’accoglienza nella giornata conclusiva è stata affidata volta per volta e sempre a titolo gratuito, ai giovani del Servizio Civile di Legambiente o agli studenti di uno degli Istituti alberghieri di Torino.

  1. Sfidiamo chiunque (soggetti istituzionali o non) a organizzare eventi di tale portata (qualitativa e quantitativa) a costi così contenuti. Con il budget di uno qualunque degli eventi (convegni, conferenze, stage di formazione, istituzionali e non, che si svolgono normalmente in città, le Conferenze della Scuola piemontese potrebbero essere effettuate per almeno altre cento edizioni.

A cura del coordinatore delle Conferenze Regionali della Scuola: Gianni Giardiello

Torino, 27. 9. 2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...