Femminismo, Donne, Studi culturali, Sessantotto, Indisciplina, Violenza, Guerra, Nonviolenza.

Anna Bravo e Paola Di Cori, due storiche impegnate tra memoria, genere e soggettività

14 dicembre 2022 ore 15 Campus Luigi Einaudi, Aula A1 – Lungo Dora Siena, 100, Torino

Locandina

Un articolo di Franca Manuele sulla figura di Anna Bravo.

La sfida della sostenibilità: il ruolo della scuola, le alleanzecon il territorio

1° SEMINARIO

Interviene il dott. Giovanni Borgarello-Ed.alla sostenibilità Regione Piemonte( Il
tema non era stato affrontato in conferenza per indisposizione del relatore)
1 dicembre 2022, h.17-19
FORUM SCUOLA – AULA BLU. Via Maria Ausiliatrice 45,Torino

lettera inviata alla Presidente del Consiglio Giorgia Meloni

Spett. Presidente del Consiglio On. Giorgia Meloni
Le scrivo a nome delle Associazioni di insegnanti, dirigenti scolastici e genitori aderenti al “Forum per l’Educazione e la Scuola” del Piemonte che ho l’onore di presiedere, per manifestarle la nostra unanime contrarietà alla ipotesi di mutare l’attuale titolazione del Ministero dell’Istruzione in quella di “Ministero
dell’Istruzione e del Merito”.

Le Associazioni piemontesi della scuola ritengono infatti che l’Italia, il suo Governo e il suo Sistema educativo di istruzione e formazione debbano in primo luogo proporre e attuare politiche scolastiche che riescano a contrastare e ridurre gli attuali pesantissimi indici di dispersione e di abbandono della scuola.
Le cifre ufficiali della dispersione scolastica, già nel segmento dell’obbligo e ancor più nel triennio superiore e nell’università, dimostrano purtroppo quanto siano ancora in voga nel sistema pubblico di istruzione le politiche orientate a “respingere” (bocciare) o “abbandonare” i più deboli e svantaggiati.
Costituire un “Ministero dell’Istruzione e del Merito” significa, per decine di migliaia di studenti e genitori, per i loro insegnanti e per molti amministratori locali, dare un segnale politico e pedagogico che va nel senso opposto.
Il sistema scuola nazionale deve essere stimolato a utilizzare le proprie risorse e competenze organizzative, culturali e pedagogiche innanzi tutto per garantire, come la nostra Costituzione richiede, l’istruzione di tutti i cittadini, nessuno escluso. La scuola pubblica deve continuare ad essere inclusiva, deve fornire a tutti , e particolarmente ai più deboli e meno attrezzati, tutti gli strumenti affinche’ possano raggiungere un buon livello di istruzione, competenza ed una condizione socioeconomica migliore ma anche capacità di ragionare ed operare scelte autonome.
Un compito che, allo stato attuale delle cose, significa soprattutto porre la massima attenzione e sapienza pedagogica, come chiedeva Don Milani, nella cura dei più deboli e dei fragili.

Continua a leggere

Laicità NEWS NEWS novembre 2022

Notiziario online del Coordinamento per la laicità della scuola.
Redazione: Marco Chiauzza, Grazia Dalla Valle, Daniel
Noffke, Cesare Pianciola, Stefano Vitale.
Fanno parte del Coordinamento: AEDE (Association Européen-
ne des Enseignants), AGEDO, CEMEA Piemonte, CGD Pie-
monte, CIDI Torino, COOGEN Torino, CUB-Scuola, FNISM,
Sezione di Torino “Frida Malan”, MCE Torino