Conferenza della Scuola in Piemonte 10a Edizione

Educazione sconfinata: una scuola senza barriere per costruire
una società aperta, civile e democratica

Nel ricordare la Giornata Conclusiva che si terrà a Torino il 4 settembre 2019
Aula Magna Università – Via Verdi 9, ex Cavallerizza

comunichiamo che la tavola rotonda MEDIA E COMUNICAZIONE SOCIALE NELLA PERCEZIONE DEL DIVERSO

verrà condotta da Gian Mario Gillio, giornalista di Riforma e portavoce  del Circolo Articolo 21 Piemonte

iscrizioni segreteria@forumscuolapiemonte.it

Annunci

il programma della x conferenza

Immagine

locandina x conferenza

PER ISCRIZIONI segreteria@forumscuolapiemonte.it

 

I MATERIALI DELLA X CONFERENZA

scarica i REPORT

1. ANISN CESEDI Cambiamo noi non il clima

2. GALFER

3. RETE GENITORI

4. SETTIMO Centro famiglie

5. S. INFANZIA M.Chagall

7. IC Papa Giovanni XXIII Savigliano (Cn)

8. Istituto Vallauri Fossano (CN)

9. IC Moretta -Moretta (CN)

10. I.C. PADRE GEMELLI Torino

11. MORBELLI-STRANEO AESSANDRIA

12. IC Muzzone Racconigi (1)

13. IC DI NANNI Grugliasco corrispondenza scolastica e cooperazione internazionale

14. IC. Vivaldi-Murialdo 2019 (1)

15. Cooperativa Accomazzi (2)

16. CPIA 3 Mocalieri To

17. IIS GIOLITTI, To

 

 

 

 

Conferenza della Scuola in Piemonte 10a Edizione

Educazione sconfinata: una scuola senza barriere per costruire una società aperta, civile e democratica

La Conferenza Regionale della Scuola, giunta quest’anno alla Decima Edizione, vuole contribuire alla riflessione sulla qualità del curricolo, delle relazioni umane tra i soggetti, dell’ambiente educativo che determina l’efficacia di un’esperienza scolastica orientata all’emancipazione di tutti e di ciascuno. Persiste sullo sfondo il tema che sorregge la conferenza fin dalla prima edizione:
La scuola che aiuta la rinascita del Paese rimane sempre aperta, è la nostra scuola ed è la scuola di tutti.

locandina forum scuola 2019_01-08

PER ISCRIZIONI segreteria@forumscuolapiemonte.it

La scuola: quali idee, quali competenze?

Sguardi verso il domani.
22 giugno 2019
dalle 9 alle 17
in via Maria Ausiliatrice 45

Il CIDI vuole chiudere l’anno cercando di pensare al futuro della scuola: quali idee, quali competenze saranno necessarie a chi avrà 30 anni nel 2050? La scuola può cambiare? Come? Questo vuole essere il primo di altri incontri utili per riflettere e progettare un cambiamento coerente con la scuola della Costituzione, luogo di crescita culturale e di confronto, esercizio di democrazia attiva.

22 giugno SCARICA il PROGRAMMA

DIRITTI, NON PRIVILEGI ITALIANI SUBITO!

saltamuri

CONFERENZA STAMPA
21 maggio 2019 – h 11,30
Camera dei Deputati – Sala Conferenze Stampa
Via della Missione 4 – Roma
Il tavolo SaltaMuri

COMUNICATO_STAMPA_saltamuri 21_05

Lettera aperta al Ministro della Istruzione

Il FORUM dell’educazione e della scuola del Piemonte a cui fanno capo 20 Associazioni  ha ritenuto opportuno rispondere alla affermazione del Ministro Bussetti: “prima gli italiani”,riportata dalla Stampa, per sottolineare come la Scuola, da sempre, si sia posto il problema della cura di tutti gli alunni indipendentemente da ogni specificità di cultura, etnia, religione, nel rispetto della Costituzione italiana.

Egr. Sig. Ministro Bussetti

A nessun insegnante, neanche ai più conservatori, può venir in mente che in classe si possa dare priorità a qualche allievo per il colore della pelle, bianco, giallo, nero che sia, né che tale criterio possa orientare la gestione delle classi.

Non condividiamo quindi l’idea che nella Scuola pubblica italiana si debbano tutelare prima i figli degli italiani, “i nostri figli” e poi gli studenti “figli di immigrati”. Riproporre scelte di tipo discriminatorio (nei confronti dei nuovi italiani, così come nei confronti di allievi diversamente abili o in difficoltà negli apprendimenti) riporterebbe la nostra scuola indietro di decenni, vanificando l’impegno professionale e l’intelligenza educativa della grande maggioranza degli insegnanti e dei dirigenti italiani che, con il proprio lavoro quotidiano, cercano di renderla degna, come chiede la nostra Costituzione, di una società aperta, civile e democratica.

Continua a leggere