I Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti, oggi

cropped-copertina-8-conf.png9 giugno 2017
ore 15
c/o CPIA 2, corso Giulio Cesare 26 (Parini)

scarica il programma

Con l’anno scolastico 2014/2015 hanno preso avvio i nuovi Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti (CPIA). I nuovi centri svolgono le funzioni prima realizzate dai Centri Territoriali Permanenti (CTP) e dalle Istituzioni scolastiche sede di Corsi serali. Le finalità contenute nella normativa sono quelle di “far conseguire più elevati livelli di istruzione alla popolazione adulta, anche immigrata, con particolare riferimento alla conoscenza della lingua italiana, nel quadro delle indicazioni europee in materia di educazione degli adulti e nell’ambito delle azioni volte alla ridefinizione dell’assetto organizzativo e didattico dei percorsi di istruzione degli adulti, considerate inoltre le recenti innovazioni in materia di immigrazione”.

Rimangono aperti problemi che richiedono riflessioni e confronto: assetto organizzativo e didattico dei Centri, formazione degli insegnanti, costruzione di reti territoriali.
Si cercherà di affrontarli nel seminario.
Ci aiuteranno nell’approfondimento:  Jeanclaude Arnod (Dirigente Scolastico CPIA2) I CPIA oggi  Rocco De Paolis (insegnante CPIA2) Il problema dell’analfabetismo  Agata Narcisi, Francesca Fergola (insegnanti CPIA2) I minori non accompagnati  Daniela Cagliero (insegnante italiano lingua seconda CPIA3) “Sei della 023?”  Ennio Avanzi (insegnante CPIA2) Creare reti sul territorio!  Nuccia Maldera (insegnante CPIA3) La formazione insegnanti… a che punto siamo
Il focus vuol dare voce a chi opera nell’educazione degli adulti ricercando e praticando azioni didattiche ed educative mirate a costruire percorsi formativi inclusivi per tutti e per ciascuno.
Quale assetto organizzativo è coerente con le finalità dei CPIA?
Quali sono i problemi prioritari che si stanno affrontando?
Quale formazione iniziale e in servizio serve?
Sono stati invitati a confrontarsi con loro: operatori e rappresentanti delle associazioni della scuola, amministrazioni locali e regionali, genitori, dirigenti, insegnanti e formatori.
Il Cpia oggi – Note di riferimento per discutere
La normativa che istituisce i CPIA sottolinea che “Per insegnare agli adulti sono necessarie competenze sociologiche, psicologiche e didattiche specifiche in relazione all’utenza e il dpr sull’autonomia rende i CPIA non solo luoghi per l’istruzione ma centri di ricerca, di sperimentazione e di sviluppo professionale che si dovrà diversificare per contenuti, per tempi di attuazione e per i soggetti che la propongono o predispongono”.
Il vecchio CTP diventa finalmente una scuola con una sua autonomia, con un suo status giuridico, un suo organico, con i suoi obiettivi programmatici. È un’occasione affinché una grande esperienza accumulata negli anni (dal tempo delle 150 ad oggi) possa essere riletta per essere utilizzata e non dimenticata.
Il CPIA deve sostenere necessariamente una offerta formativa diversificata.
E’ chiamato ad assolvere compiti di sostegno all’integrazione, all’istruzione e all’accompagnamento in formazione di persone molto diverse fra loro per età, cultura, provenienza territoriale, percorsi scolastici, motivazione ed età.
E’ un’istituzione chiave nell’accoglienza di migranti che arrivano da molte parte del mondo e che stanno determinando in modo significativo le scelte didattiche, metodologiche ed organizzative dei CPIA.
E’ un’istituzione che accompagna percorsi di mobilità lavorativa. A differenza delle persone che frequentavano le 150 ore, la maggior parte degli studenti che oggi frequentano i CPIA non hanno un lavoro stabile e in molti casi, non hanno nemmeno un lavoro.
Il CPIA affronta un’importante emergenza di alfabetizzazione di base. In lingua italiana e matematica l’analfabetismo di molti studenti adolescenti e adulti che arrivano dall’Africa e dall’Asia pone urgenti domande di ricerca metodologica e didattica ma anche di percorsi scolastici accessibili e adeguati alle diverse esigenze di vita.
Molti dono i problemi e le domande da affrontare e da approfondire insieme:
 Riconoscere, sostenere e promuovere percorsi formativi differenziati e integrati con la Formazione Professionale, rivolti soprattutto a studenti con poca o nessuna frequenza scolastica nei paesi di provenienza. Affiancare l’insegnamento della lingua e della matematica ad esperienze di laboratorio e tirocinio formativo a cura di docenti alfabetizzatori di CPIA e formazione professionale.
 Sostenere, attraverso la formazione dei docenti e l’attuazione dei piani ministeriali, percorsi di secondo livello ma con un’attenzione all’accoglienza, alle cause di abbandono.
 Dare un senso al bilancio di competenze che oggi è correlato e intrecciato con quello del conseguimento di Titoli di Studio (dalla terza media in poi) affinché diventi un’opportunità per il ri-orientamento di percorsi culturali e lavorativi di ciascun allievo. E’ possibile trovare strategie di confronto con operatori qualificati?
 Accoglienza di ragazze e ragazzi minorenni che arrivano sul nostro territorio da soli (in quale scuola, a carico di chi? Con quali programma per dare l’esame di licenza media?)
 Creare e sostenere reti sul territorio tra scuole, associazioni, comunità di accoglienza, enti locali (ma ridefinire mandati e compiti nel rispetto delle proprie identità).
 E’ sempre più urgente attivare, programmare e l’organizzare corsi di alfabetizzazione in diverse sedi (là dove sono gli utenti) e in tempi differenti (vuol dire costi per le amministrazioni).
 La figura del docente che insegna in un CPIA. Quali sono le specificità della dimensione professionale docente che lavorano con gli adulti? Quali percorsi formativi sono utili anche per i docenti che hanno maturato esperienze in altre tipologie di scuola.
Normativa:
– D.P.R. 263 del 29/10/2012 – Regolamento Centri Istruzione Adulti
– D.IM.del 12/3/2015 – Linee guida CPIA
– C.M. 4/3/2017 – Iscrizioni percorsi istruzione per adulti 2017-18

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...